i
In collaborazione con
l’Associazione Proprietari che fornisce il timbro di conformità ai nostri contratti.

Con il blocco dell'economia dovuto al lockdown, si è resa necessaria l'introduzione di una nuova pratica telematica, che prima del 2020 si espletava solo presentandosi di persona allo sportello delle Entrate, che è la riduzione del canone di locazione.

La riduzione del canone

Con la pandemia, molti locatori hanno deciso di andare incontro ai propri inquilini in difficoltà col pagamento dell’affitto decidendo di abbassare chi in modo temporaneo, chi definitivo, il canone di locazione pattuito contrattualmente. Affinchè, pertanto, il locatore paghi le imposte sui redditi da locazione sulle somme effettivamente percepite, e gli inquilini detraggano effettivamente solo i canoni versati, si è resa necessaria una comunicazione all’Agenzia delle Entrate.
Tale comunicazione, riferendoci in questo caso alla riduzione del canone, si effettua con modello RLI telematico utilizzando l’RLI web o consegnandolo a mano, allo sportello dell’ufficio presso cui il contratto è stato registrato, senza versamento di imposte (articolo 19 del decreto legge n. 133/2014, nelle risorse).

Si puo’ aumentare il canone di locazione?

Tuttavia, se dopo la registrazione dell’accordo che prevede la riduzione del canone per l’intera durata contrattuale vi fosse un ripensamento e il canone venisse riportato al valore inizialmente pattuito, prima della fine della locazione, il nuovo atto è soggetto a tassazione.
L’accordo di rinegoziazione del canone in aumento, nel caso in cui dia luogo a un’ulteriore liquidazione dell’imposta per il contratto di locazione già registrato, va comunicato all’Agenzia entro 20 giorni. Le imposte di registro, di bollo ed eventuali interessi e sanzioni vengono automaticamente calcolati dal software dell’Agenzia delle Entrate, e possono essere versati con richiesta di addebito diretto sul conto corrente del dichiarante, contestualmente alla presentazione del modello RLI, allegando l’apposito modello per l’addebito degli importi direttamente sul c/c.

A chi rivolgersi per richiederla?

Se non sei sicuro di come vanno compilati i vari moduli richiesti dall'AdE, ti consentiamo di risparmiare il tempo che impiegheresti a leggerti gli ormai mille documenti necessari per capire come si fa sbrigando la pratica per te a soli € 12,00. Clicca su NUOVA PRATICA e richiedi la riduzione di canone fornendo poche semplici indicazioni necessarie per l’espletamento della pratica, che ti verrà recapitata entro 48 ore nella tua area riservata.

Il modello RLI: come compilarlo

Il modello RLI è composto di cinque quadri distinti. Il richiedente deve riportare all’inizio di ogni pagina del documento il proprio codice fiscale sia nel caso di persone fisiche, sia in quello di società o enti. Ecco come vanno compilati:
Quadro A (Dati generali) Compilare i dati relativi al contratto di locazione. In questo quadro verranno infatti richiesti la tipologia del contratto e la sua durata.
In caso di rinegoziazione del canone:
• nella casella "importo del canone" va indicato l’importo del canone di locazione annuo precedente alla rinegoziazione o, in caso di contratti di durata inferiore a un anno, l’importo relativo all’intera durata;
• al contrario, in quella "canone rinegoziato", va riportato l’importo del nuovo canone di locazione annuo o, in caso di contratti di durata inferiore a un anno, l’importo relativo all’intera durata.
In caso di comproprietà, si riporta il canone per intero, indipendentemente dalla quota di possesso.
Nella sezione II è opportuno indicare la data di inizio e la data di fine del canone rinegoziato, nonché gli estremi del contratto a cui la rinegoziazione si riferisce.
Nella sezione III dovranno essere indicati la tipologia di richiedente (se persona fisica o giuridica), i dati del richiedente.
Nel caso di persona giuridica, dovranno essere riportati anche i dati del rappresentante legale se società.
Quadro B (Soggetti) Vanno inserite le generalità di locatore nella sezione I e conduttore nella sezione II: codice fiscale, cognome, nome, data e comune di nascita.
Quadro C (Dati degli immobili) Vanno indicati i dati relativi all’immobile oggetto di locazione e relative pertinenze: quali la tipologia, la sua ubicazione, il codice del comune in cui si trova, la categoria e la rendita catastale, gli estremi catastali quali il foglio, la particella e il subalterno.
Quadro D (opzione/revoca cedolare secca) da compilare solo per immobili abitativi, indicando il numero degli immobili, dei proprietari, la percentuale di possesso, l’opzione/revoca della cedolare secca semplicemente barrando la casella “Sì” o “No”.
Quadro E (Locazione con canoni differenti per una o più annualità), in cui possono essere indicati i diversi canoni di locazione pattuiti nel contratto per le successive annualità.

Trovate il modello RLI nella sezione "risorse gratuite" del sito. 
 

Il tuo inquilino è in difficoltà e ti ha chiesto una temporanea riduzione del canone di locazione?
Si può fare! Puoi richiederla e ottenerla qui entro 48h così come tutte le pratiche relative agli affitti, senza perdere tempo allo sportello o rischiare sanzioni, a soli €12,00 IVA inclusa.